Sviluppo personale

Difficoltà scolastiche, in ambito sportivo e professionale

Il blocco negli studi, può essere causato dall’ansia da prestazione e  creare disagi personali ed enormi ritardi nel conseguire un diploma o una laurea. Questo tipo di blocco non ha nulla a che fare con le capacità cognitive dello studente e nemmeno con la sua attitudine o dedizione allo studio. Quello che succede non è modificabile con la semplice volontà, anzi, spesso il tentativo di forzare questo tipo di blocco con la volontà provoca un ulteriore insuccesso con aumento dell’ansia e dei sensi di colpa. La difficoltà non è quindi ascrivibile alla sfera cognitiva ma a quella inconscia. Per questo il blocco nel raggiungimento dei risultati in ambito scolastico va analizzato e compreso nei suoi significati che sono sempre personali e caratteriali, cioè legati alle caratteristiche personali e individuali di interagire con la realtà.

Questa situazione può essere risolta con la consulenza psicologica mirata. Lo psicoterapeuta è in grado di leggere nel comportamento del cliente la sua modalità di affrontare le situazioni e di focalizzare il comportamento disfunzionale. Questa lettura è possibile sul piano esplicito, fatti narrati, e sul piano implicito, come il cliente si rapporta alle situazioni come ad esempio il primo colloquio con lo psicoterapeuta. La ridefinizione del cambiamento necessario per uscire  sarà la conseguenza di questa valutazione  e non più una decisione di semplice buon senso.
Anche le difficoltà sul lavoro di natura relazionale o legate all’ansia possono essere analizzate per sviluppare cambiamenti efficaci e duraturi, il procedimento è lo stesso perché anche in questo caso le difficoltà sono da ricercare in ambito emotivo e caratteriale.

La difficoltà a raggiungere gli obiettivi in ambito sportivo è spesso il risultato della paura di vincere. Ci sono tutte le condizioni personali e di allenamento per vincere ma l’atleta “crolla ad un metro dal traguardo”. Che cosa possiamo fare per superare questa situazione?  Insieme possiamo mettere a fuoco  la natura della paura di vincere che spesso trova le sue cause in vissuti competitivi con le figure familiari. Comprendere la natura della paura di vincere  apre la possibilità all’atleta di disattivare un condizionamento rimosso ma molto attivo perché non consapevole  aprendo la strada  alle possibili soluzioni.

La psicoterapia e la consulenza psicologica  possono essere brevi, 6 – 8 sedute o di più sedute.
Possono svolgersi
online o in presenza.

Contattami su WhatsApp